Non regalarmi un diamante, regalami un armadio enorme!

Ho un sogno… nell’armadio. Anzi, sogno proprio un armadio, un armadio grande e capiente. Di più: sogno una cabina armadio tutta per me, proprio come quella che Mr. Big fa costruire per Carrie nel “paradiso immobiliare” in cui non abiteranno mai.



Mi potrei anche accontentare della versione ridotta del suo appartamento da single, che in tante puntate di Sex and the City è diventata famigliare come fosse mia.


Tutto in ordine, per ogni cosa un posto: ripiani, cassettiere, interi stand dove appendere vestiti, camicie, giacche e cappotti, mensole per le borse, scaffali per le scarpe. Niente cambi di stagione, tutto quanto sotto gli occhi pronto per farsi scegliere in un’ occhiata. E invece no, devo fare i conti con i mq di casa mia, che proprio non permettono di sacrificare una stanza per il mio guardaroba. Così mi arrabatto con un armadio che divido col Bolognese, un acquisto veramente infelice perchè l’interno è organizzato malissimo, e un altro armadio entrato abusivamente nella cameretta, che pian piano da stanza per gli ospiti si è trasformata in una sorta di ripostiglio-guardaroba in cui il divano letto perennemente aperto funge da armadio orizzontale dove ammasso maglie, maglioni, jeans e tutto ciò che non entra da altre parti. Così però non poteva funzionare: avere le cose sparse qua e là mi disturba, non trovo niente, mi dimentico delle cose che ho, faccio fatica a creare abbinamenti nuovi e ho la perenne sensazione di non avere niente da mettere. Questo mi spinge a comprare cose di cui in realtà non ho bisogno e alimento il circolo vizioso dell’accumulo in mancanza di spazio. Così per ovviare alla situazione domenica ho trascinato il mio infelice consorte in quello che è il suo incubo, un negozio Ikea, e abbiamo preso un mobile-libreria che, dopo essere stato faticosamente montato (ogni volta che assembliamo un mobile Ikea rischiamo la rottura!), è stato convertito in armadio a vista per i miei maglioni e le borse più importanti.


Non ho ancora finito l’opera ma già il divano letto si è liberato, la cameretta è più ordinata e sembra quasi… una cabina armadio! Non devo farmi prendere dall’entusiasmo, però, perchè questa stanza in futuro dovrebbe essere la camera dei bambini e mica posso metterli a dormire in un ripiano! Altro risvolto positivo del riordino generale è che ho buttato alcuni capi che non mettevo da secoli e ne ho scovati altri di cui non ricordavo l’esistenza. E voi? Avete trovato il metodo ideale per organizzare il vostro armadio? Anzi, vi chiedo un consiglio: pensate che organizzare una cabina armadio nella propria camera da letto, con tutte le cose a vista, sia antiestetico e disordinato o si può fare?

E giusto per rimanere in tema “cabina armadio”, riguardatevi questo meraviglioso spot e fatevi due risate!

10 Commenti

  • Postato 21 gennaio 2010 09:15
    di Nathalie

    Eh, anche io darei un rene per avere un armadio del genere!

  • Postato 21 gennaio 2010 21:34
    di La Ragazza con lo Smalto Verde di Sephora

    1) Trovo la cabina armadio di Carrie (prime 2 foto) un grande sogno!<br />2) Trovo la cabina armadio di Carrie (terza foto) un sogno!<br />3) Trovo che la tua cabina armadio stia, senza volerlo, prendendo forma 😉 Hai tantissimi maglioncini, sembra lo stand di un negozio!<br />4) L&#39;idea della cabina armadio in camera non mi sembra una cattiva idea! Basta tenere tutto ben ordinato, in buste o

  • Postato 22 gennaio 2010 13:54
    di L'armadio del delitto

    Dai miei genitori, dove come da tutti i francesi, c&#39;è l&#39;armadio a muro in ogni camera da letto, c&#39;è tutto lo spazio per mettere tutto. Sembra piccolo ma è fatto talmente bene, che oltre ai miei vestiti si può mettere un sacco di altre cose. Mi sembrava normale di avere una cosa del genere: tutte le persone che conoscevo ne avevano una simile. <br />Poi sono arrivata in Italia, e ho

  • Postato 22 gennaio 2010 20:43
    di La Ragazza con lo Smalto Verde di Sephora

    @L&#39;armadio del delitto: voglio vedere una foto &quot;dell&#39;armadio francese&quot;!!! 🙂

  • Postato 23 gennaio 2010 00:16
    di L'armadio del delitto

    Ok ok, se ci penso farò una foto la prossima volta che vado in Francia! Però non ho la minima idea di quando ci andrò!

  • Postato 24 gennaio 2010 13:22
    di ...in the WonderLand

    @L&#39;armadio del delitto: mi associo! a grande richiesta e senza fretta, vogliamo vedere il tuo armadio francese!<br />son curiosissima di mio, e non posso credere a quello che hai scritto… niente spazi vuoti inutilizzati (che nel mio, comune e misero e buio armadio cmq non esistono), niente scaletta per prendere i capi più alti (vabbè che la mia altezza non aiuta)… tutto lì: ben visibile

  • Postato 24 gennaio 2010 14:04
    di La Ragazza con lo Smalto Verde di Sephora

    @L&#39;armadio del delitto: Grazie!!! 🙂

  • Postato 24 gennaio 2010 20:50
    di Laura

    Ero convinta di averti lasciato un commento a questo post ma evidentemente non lo avevo salvato:-) Ti scrivevo che io ho una piccolissima cabina armadio ricavata, durante la ristrutturazione, accorciando la camera da letto. Il montaggio dell&#39;arredamento Ikea è quasi costato la relazione anche a me!!!

  • Postato 25 gennaio 2010 00:49
    di VerdeMenta

    Mi associo alle ripetute richieste di vedere un armadio a muro francese, magari è replicabile anche qui in territorio italico!<br /><br />@ in the Wonderland: è bello scambiarsi vestiti tra sorelle, io però non ho mai potuto farlo… taglie troppo diverse :(<br /><br />@ Laura: purtroppo nella mia camera non è possibile ricavare un bel niente: è piccola e ha il tetto spiovente, motivo per cui non

  • Postato 25 gennaio 2010 11:45
    di Lucilla

    Un cosiglio spassionato? Io ho ricavato la cabina armadio in camera da letto, era un sogno che avevo da sempre, e così facendo ho tolto spazio alla camera (che ora assomiglia vagamente ad una schermata di &quot;tetris&quot;) con il risultato che la cabina armadio è perennemente disordinata! Avere tutte le cose a vista implica automaticamente caos visivo, io da brava furba l&#39;ho riempita di

Lascia un commento