Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.

Le conformazioni fisiche curvy

A cosa serve saper riconoscere la propria conformazione fisica? Semplicemente a scegliere i tagli, le linee e le forme dei vestiti che ci stanno meglio. A mio avviso le indicazioni che derivano dallo studio delle diverse tipologie non sono regole scientifiche scolpite nella pietra e una certa dose di sperimentazione è sempre consentita (e auspicabile) quando si parla di abbigliamento, ma è innegabile che conoscere un paio di principi a cui far riferimento nei momenti di indecisione è sempre utile e, comunque, per poterle trasgredire le regole vanno prima conosciute.


Ormai molte sapranno riconoscere le diverse tipologie femminili: programmi tv ci hanno insegnato a scegliere i vestiti per valorizzare o minimizzare alcune parti del nostro corpo, famosi stylist televisivi scrivono libri al proposito (i Murr sono solo gli ultimi in ordine cronologico) e in rete c’è Anna di Moda per Principianti che fa un ottimo lavoro. Fisiologie a mela, pera, rettangolo o clessidra non hanno quasi più segreti.

Oggi con voi vorrei approfondire le tipologie fisiche declinate al curvy.

Partendo dall’ABC e semplificando molto, possiamo dire che la nostra conformazione fisica è definita soprattutto dal busto o meglio dal rapporto tra busto/spalle e fianchi.

  • Se l’ampiezza del busto e delle spalle è inferiore rispetto a quella dei fianchi siamo nella tipologia A (o pera, o triangolo) 
  • Se le spalle sono larghe quanto i fianchi e il punto vita è ben definito siamo nella tipologia B (o clessidra) 
  • Se l’ampiezza delle spalle è equivalente o maggiore rispetto ai fianchi e la vita è poco definita o quasi assente siamo nella tipologia C (in questa categoria rientrano la donna rettangolo, la triangolo invertito e la donna mela).
Continuando col codice delle lettere dell’alfabeto, le versioni curvy di queste tipologie sono rispettivamente il tipo D (pera curvy), E (clessidra curvy) e F (mela curvy).


—————————————–


TIPOLOGIA FISICA D – pera curvy

TIPO D  - spalle strette o spioventi - seno piccolo / medio,   (proporzionato alle spalle) - punto vita pieno - fianchi larghi - cosce e polpacci robusti
un esempio di pera curvy è Tanesha di http://girlwithcurves.com/
Questa tipologia, indipendentemente dalla taglia, presenta una sproporzione nella parte inferiore: ha infatti spalle strette o spioventi e seno piccolo / medio, il punto vita pieno (generalmente ben definito), fianchi larghi, cosce e polpacci robusti. 
Per riequilibrare le proporzioni si cercherà di attirare l’attenzione nella parte alta del corpo, ampliando la linea delle spalle per bilanciarle col bacino.
No

  • no ai capi troppo oversize che indistintamente aggiungono volume a tutta la figura
  • no a tutto ciò che aggiunge volume sui fianchi
  • no a tutto ciò che attira l’attenzione sui fianchi: orli, bordi, decorazioni, ricami, strass ecc.
  • no al volume aggiunto dato da pieghe o pinches su gonne e pantaloni
  • no alla gonna a balze
  • no a gonne e pantaloni che si stringono sul fondo: amplificano i fianchi e fanno l’effetto “cono”.
  • no ai leggings e in generale ai pantaloni skinny
  • no a maglie e giacche corte sopra i fianchi
  • sì a sottolineare il punto vita (w le cinture per le donne pera!)
  • sì a ad accessori quali collane e orecchini, anche vistosi, che attirano l’occhio verso il volto 
  • per lo stesso motivo, sì alle bluse col fiocco o ruches sul collo o le spalle
  • sì alle bluse con maniche importanti, 
  • sì alle maniche a palloncino 
  • sì ai tagli che allargano le spalle, come lo scollo a barchetta
  • sì anche a scolli medi come lo scollo quadrato o a madonna
  • sì alle maglie a righe orizzontali 
  • sì alle giacche con spalle strutturate 
  • si alle spalline imbottite per riequilibrare spalle piccole o spioventi, purché abbiano un aspetto naturale… niente spallone da rugbista 😉
  • sì alle maglie drappeggiate, che creano volume sul busto
  • sì agli abiti svasati
  • sì a gonne dalla linea dritta o leggermente svasata che accarezzano la linea dei fianchi senza fasciarli
  • sì a jeans e pantaloni dalla linea dritta o bootcut (leggermente svasati)
  • sì a a giacche, giacconi e cappotti svasati e col punto vita segnato (da cuciture o con cintura)
—————————————–


TIPOLOGIA FISICA E – clessidra curvy

esempi di clessidra curvy sono Alex di http://sheisred.com/
e Lilli di http://frocksandfroufrou.com/
Questa tipologia è ben proporzionata: fianchi e spalle sono equilibrati, la vita è ben segnata anche se a volte non è stretta, le spalle sono larghe o medie, il seno pieno e le gambe tornite.

Per mantenere le naturali proporzioni di questa struttura è bene sottolineare le curve e valorizzare il punto vita senza aggiungere volume alla figura.

No

  • no a tessuti troppo rigidi, fanno effetto “boxy”
  • no alle linee oversize che aggiungono volume: meglio optare per tagli che seguono le forme del corpo

  • sì ai tessuti morbidi e fluidi
  • sì agli abiti che seguono le linee del corpo (senza stringere!)
  • sì a sottolineare il punto vita
  • sì alle scollature che valorizzano il seno
  • sì a pantaloni e jeans con la gamba dritta o leggermente svasati sul fondo
  • sì ai jeans stretch
  • sì ai pantaloni capri, anche in colori vivaci. Se stampati, meglio stampe di dimensioni medio/piccole e tono-su-tono
  • sì alle gonne dritte o leggermente svasate 
  • sì alle gonne a ruota, non troppo ampia
  • sì a t-shirt, giacche e maglie infiancate
  • sì agli shorts purché della lunghezza giusta (a metà coscia, un po’ sopra il ginocchio) e la gamba lo permetta. Shorts molto corti allargano i fianchi.
  • sì ai cappotti a vestaglia

—————————————–


TIPOLOGIA FISICA F – mela curvy

La curvy mela sono io!
Una versione un po’ più piena è la biondissima Karyn di http://www.killerkurves.ca

Questa tipologia ha il busto sviluppato, il punto vita è poco definito o quasi assente, spesso un po’ alto e le gambe relativamente snelle.

Saranno le gambe quindi il punto focale da enfatizzare con l’abbigliamento, cercando contemporaneamente di  allungare la parte superiore del corpo.

No

  • al troppo oversize, sia sopra che sotto. Meglio linee dritte ma non eccessivamente voluminose
  • no ai pantaloni e alle gonne con la vita alta
  • se il punto vita è davvero inesistente no a top e camicie infilate nei pantaloni o nelle gonne
  • no a top troppo aderenti
  • no a maglie, top e maglioni con l’elastico in fondo o che si stringono in fondo (meglio linee fluide, appena svasate)
  • no alle spalle troppo strutturate
  • no alle rouches troppo vistose su petto e spalle
  • no a giacche e cappotti più lunghi di metà coscia
  • anche se le gambe sono snelle, no alle gonne troppo corte: allargano i fianchi
  • no ai maglioni a trama grossa, che aggiungono volume al busto

  • distogliere l’attenzione dal punto vita facendo convergere gli sguardi verso il viso e le spalle: 
  • sì quindi a collane e orecchini, anche vistosi
  • sì a scolli ampi, medi e profondi, a V o rotondi, ma anche asimmetrici. 
  • sì a maglie e top a tunica (abbinati a pantaloni slim fit o gonne dal taglio dritto) soprattutto se non si ha il seno molto abbondante
  • se il seno è grande meglio optare per top e maglie che seguono la linea del seno e poi scendono leggermente svasate
  • sì a maglie e top un po’ svasati
  • sì a maglie e top portati fuori dai pantaloni o dalle gonne
  • sì alle bluse con taglio impero
  • sì ad abiti e top un po’ sfiancati ma di linea morbida
  • sì agli abiti a tunica (sempre che il seno non sia troppo abbondante, in questo caso la tunica che scende dritta renderebbe il corpo un blocco unico). 
  • con seno abbondante scegliere abiti che accompagnano il seno e poi scendono un po’ svasati
  • sì agli abiti svasati
  • sì agli abiti con la vita alta, che seguono il naturale punto vita un po’ rialzato di questa tipologia fisica
  • sì agli abiti stile impero
  • sì agli abiti-camicia
  • sì a pantaloni e jeans dritti e con la gamba asciutta, taglio slim
  • sì a pantaloni skinny o aderenti abbinati a top e bluse che coprono il sedere e arrivano a metà coscia
  • sì ai pantaloni un po’ svasati
  • si ai jeans bootcut
  • sì ai pantaloni a sigaretta
  • sì ai pantaloni capri
  • sì agli shorts purché della lunghezza giusta, a metà coscia o un po’ sopra il ginocchio. Shorts molto corti allargano i fianchi.
  • sì alle gonne dritte o leggermente svasate
  • sì alle giacche di taglio dritto portate aperte su top a misura (che non stringano, mi raccomando! Troppo brutto vedere le ciccette evidenziate dai tessuti aderenti) 
  • sì ai cardigan e ai golfini, portati aperti
  • sì a cardigan lunghi al massimo fino a metà coscia, portati aperti o chiusi sotto il seno (con un bottone, una cinturina, una coulisse
  • sì a mantelle, giacche e giacconi corti, non oltre i fianchi
  • sì al cappotto dritto o leggermente svasato
Finito!!
Come dicevo all’inizio del post, queste sono indicazioni di massima da tenere presente in caso di dubbio o per orientarci nello shopping, ma io sono assolutamente per la sperimentazione: la cosa migliore è entrare in camerino e provare quello che ci piace, avendo l’accortezza di guardarci con occhio obiettivo (che non vuol dire ipercritico!).
Tutte le belle illustrazioni di questo post sono di Anja Kroencke e sono tratte dal libro The Pocket Stylist di Kendall Farr. 

xoxo
signature
24 Responses
  • Eva
    maggio 8, 2013

    Sei stata davvero brava e soprattutto ci hai azzeccato in pieno.. io sono una mela magra ma i tuoi vestiti mi piacciono comunque da impazzire!

  • Maria Katia Doria
    maggio 8, 2013

    Anch&#39;io sono una mela magra, punto vita quasi zero…pazienza.<br />Nessuno è perfetto.<br />Grazie e baci<br />http://mariakatiadoria.blogspot.it/

  • Anonymous
    maggio 8, 2013

    G R A Z I E per questo post. G R A Z I E !!!<br />SAbrina

    • verdementa
      maggio 8, 2013

      Ma prego! E&#39; un piacere servire a qualcosa 🙂

  • Anonymous
    maggio 8, 2013

    E così scoprii di essere una clessidra…non molto magra ma comunque clessidra..grazie per il bel post 😉

    • verdementa
      maggio 8, 2013

      La clessidra è la tipologia più proporzionata e femminile… sei fortunata! 😉

  • Guapita Tondita
    maggio 8, 2013

    che precisione questo vademecum..anche se, sì lo confesso da buona F un pochino me ne frego hihihihihi

    • verdementa
      maggio 8, 2013

      Sicura sicura? Io vedo che i tuoi outfit sono costruiti principalmente con maglie morbide fuori dai pantaloni e gambe in risalto… 😉 Comunque questi sono principi anche di logica quindi facile che vengano messi in pratica in maniera spontanea e inconscia, senza ragionarci sopra 🙂

  • Ms. Bunbury
    maggio 8, 2013

    Cavolo ale che superlavoro! complimenti. A differenza di altri siti o altri libri, qui è tutto molto molto chiaro! Io sono tipo C, questo l&#39;avevo capito… ma valgono le stesse cose del mela curvy? oppure no? ora mi cerco il libro che nomini… Un bacione!!!! msbx

    • verdementa
      maggio 8, 2013

      Seguendo il link trovi dove acquistarlo :)<br />Le &quot;regole&quot; sono un po&#39; diverse tra le tipologie regular e quelle curvy… Ti farò una consulenza privata ;)<br />

  • Monica La Barbera
    maggio 8, 2013

    Io sono decisamente una pera curvy e grazie per i preziosissimi consigli!<br /><br />http://lovedlens.blogspot.it<br />M.

  • Anonymous
    maggio 8, 2013

    Io non riesco ancora a capire se sono una pera o una clessidra!<br />Martina

    • verdementa
      maggio 8, 2013

      In linea di massima dovresti valutare il rapporto tra spalle e fianchi: se le spalle sono più strette dei fianchi sei una pera, se le spalle sono ampie più o meno come i fianchi potresti essere una clessidra. Nel libro dei Murr però la categoria clessidra non c&#39;è ed è stata inserita tra le donne-pera…

  • LaDivaDelleCurve
    maggio 9, 2013

    anche io sono una mela ma con seno decisamente molto più sviluppato dei fianchi e trovo differenza con le mele che hanno poco seno (infatti alcuni la definiscono fragola), però vita e fianchi sono uguali. Mi piace come hai sviluppato il post 🙂 molto chiaro!

    • verdementa
      maggio 9, 2013

      Infatti hai ragione, quando il seno è molto abbondante cambiano un po&#39; le indicazioni… per es. eviterei i tagli a tunica per top e abiti (che renderebbero il corpo un po&#39; tutto uguale,monolitico) e sceglierei invece linee che accompagnano il seno e poi sotto si svasano. Ho aggiornato il profilio mela con queste precisazioni 😉

  • Anonymous
    maggio 9, 2013

    Veramente un bel lavoro …complimenti…!! Io sono Mela…ed il mio punto critico sono : busto massiccio e vita quasi inesistente..!!!!!!! Ora con i tuoi consigli sicuramente saprò valorizzare meglio la mia figura!! Grazie davvero e continua così..

  • CoffeeBlooms
    maggio 9, 2013

    ma brava!!! post fatto benissimo!!!! 🙂

  • Anonymous
    settembre 9, 2013

    bel post! anna venere mi ha detto che sono una mela a 8, ma non so bene se orientarmi su capi da mela (ma io ho il punto vita di 21 cm più stretto rispetto al seno!)o da clessidra…tutta colpa delle maledette maniglie &lt;.&lt;&#39;<br /><br />sara

  • Anonymous
    dicembre 2, 2013

    potresti parlare delle tipologie delle donne basse? Io sono alta (o meglio bassa) 1,50 ho 98 cm di seno , 78 cm di vita e 100 di fianchi. Mi sembrerebbe di essere una clessidra ma non ne sono certa. Cosa mi dici? Grazie. Ale

    • Nella determinazione della tipologia fisica l&#39;altezza non gioca un grande ruolo: contano di più le proporzioni tra parte superiore e inferiore, il rapporto tra spalle e fianchi, la conformazione del punto vita… Si può essere clessidre alte o basse, ma sempre clessidre si è 😉 <br />Non avendoti mai vista faccio fatica a dirti &quot;cosa sei&quot;, così a occhio, se tra spalle/seno e fianchi

  • sabina longo
    gennaio 26, 2014

    Uffa non riesco a trovare la mia forma,ti prego aiutami voglio imparare a vestirmi.Ho 42 anni,il mio punto vita è 74 cm,i fianchi 92,il seno 86,le spalle 92.Non capisco se clessidra con punto vita poco evidente(però la pancia è piatta) o rettangolo non magra;ora peso 55 kg e alta 157 cm.Grazie

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *